Pet Therapy – Progetti in Italia

Con il passare del tempo in Italia è andato aumentando l’interesse per la pet therapy con una maggiore richiesta sul territorio nazionale. Associazioni, centri di ribalitazione, scuole, case di riposo sono interessate a queste nuove terapie di supporto, a nuove soluzioni da inserire nelle proprie attività per aumentare il livello qualitativo della vita all’interno delle loro strutture.

Istituti scientifici di una certa nomea, Università e istituzioni locali hanno avviato progetti di ricerca con lo scopo di individuare chi può giovare dei programmi di Pet Therapy consolidando le esperienze in questo campo e aprendo comunque nuove frontiere e nuove possibilità.
Come abbiamo già detto in questo post i gruppi che progettano e svolgono le attività correlate alla pet therapy sono composti da diverse figure professionali che agiscono mettendo a disposizione la loro competenza e conoscenza a favore della salute pubblica e altri che rivolgono la loro attenzione alla scelta, alla salute e alla tutela del benessere degli animali co-terapeuti .
A scopo puramente esemplificativo citiamo Istituti scientifici italiani e strutture che sviluppano programmi nel settore della pet-therapy e i relativi progetti portati avanti negli ultimi anni:

• Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise “G.Caporale” (IZSAM)
• Centro di Collaborazione OMS/FAO per la Sanità Pubblica Veterinaria – Istituto Superiore di Sanità, Roma.

L’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise “G.Caporale”(IZSAM), che svolge istituzionalmente attività di ricerca, sperimentazione, documentazione, formazione ed eroga servizi tecnologicamente avanzati, ha iniziato dal 1997 ad erogare anche servizi e consulenze in attività e terapie assistite dagli animali.

• Nel 1997 l’Istituto è intervenuto con un primo programma di attività e terapie assistite dagli animali (finanziato dal Ministero della Salute) nella scuola elementare San Giuseppe di Teramo. Caprette tibetane, conigli, gatti e cani con la guida di operatori specializzati, hanno seguito 20 bambini, tra cui 7 portatori di handicap;
• Dal 1998 ha svolto un programma di attività assistite dagli animali presso A.N.F.F.A.S. di Teramo rivolto a giovani portatori di handicap che frequentano i programmi di intrattenimento organizzati dall’Associazione stessa;
• Il 2000 ha visto la realizzazione di alcune attività svolte all’interno delle case di riposo di Teramo “G. De Benedictis” e di Atri “S.Rita”. Gli anziani ospiti, di età e stato di salute differente (buono, con patologie organiche, demenze senili e disagi psichici) hanno ricevuto settimanalmente la visita di alcuni animali (conigli, cani e gatti) rigorosamente accompagnati dal gruppo di lavoro composto da esperti dell’IZS e coadiuvato da figure professionali interne alla casa di riposo. La finalità di tale ricerca era la rilevazione dell’aumento della partecipazione dei soggetti coinvolti alla attività ricreative e rilevare inoltre l’arricchimento della loro rete di relazioni sociali;
• Nell’anno scolastico 2001/2002 hanno partecipato ad un programma di terapie 11 bambini con diverse tipologie di handicap dell’Istituto scolastico Comprensivo di Bellante;
• Altri programmi in fase di svolgimento sono relativi alle attività continue nella sede dell’IZSAM rivolte a bambini e ad adolescenti con disabilità (autismo, sindrome di Down e ritardo psicomotorio), in atto già dal 1998;
• Dal 2000 ad oggi continuano le attività assistite dagli animali presso l’Unità di Pediatria dell’ospedale civile “S. Liberatore” di Atri, una delle prime esperienze in Italia dove conigli, opportunamente selezionati ed educati, vengono condotti all’interno della corsia dell’ospedale per alleviare i disagi della degenza ai bambini che vi sono ricoverati;
• Dal 2002 è in atto un programma di attività e terapie assistite dagli animali per gli utenti del Centro Iperbarico di S. Atto (Teramo).
• Nel 2003 sono previsti altri programmi di terapie per i malati di sclerosi multipla in collaborazione con l’Associazione Italiana Sclerosi Multipla (A.I.S.M.)
• Nel 2006 l’Istituto ha avviato il progetto “Percorso di prevenzione e sostegno dell’affettività” con la partecipazione degli animali in veste di co-terapeuti con la collaborazione Università La Sapienza di Roma e con la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Bari. Questo ambizioso progetto si prefigge lo scopo di individuare dei soggetti a rischio nell’area affettivo-relazionale, all’interno di soggetti con età compresa tra i sei e i tredici anni e cercare di promuovere lo sviluppo affettivo degli stessi.
Il Centro di Collaborazione OMS/FAO per la Sanità Pubblica Veterinaria, Laboratorio di fisiopatologia e di sistema presso Istituto Superiore di Sanità, Roma è un centro pilota nel campo della pet-therapy. Il gruppo di lavoro che fa capo al Centro ha tra i suoi scopi la promozione e il coordinamento delle attività inerenti alla pet-therapy, oltre a funzionare da centro di servizi e banca dati.

Tra le attività da segnalare:

• Una ricerca sul rapporto uomo-animale, in collaborazione con il Canile Sanitario di Roma, l’Ufficio Diritti degli Animali del Comune di Roma e il Dipartimento di Igiene “G. Sanarelli” dell’Università “La Sapienza” di Roma, che ha per tema: “Anziani e animali nelle case di riposo istituzionalizzate del Comune di Roma”.
• La partecipazione alla ricerca sulla convivenza tra animali domestici e pazienti immunocompromessi, svolta sul campo (canili e comunità di tossico-dipendenti).
• La partecipazione, in collaborazione con la Cattedra di Pedagogia Speciale della Facoltà di Scienze della Formazione Università “Roma Tre” di Roma, al Servizio Veterinario dell’Azienda USL Roma D ed alla S.I.T.A.C.A. (Società Italiana Terapie e Attività con Animali), al progetto per l’inserimento di animali, sia d’affezione che di allevamento, all’interno del Carcere Minorile di Casal del Marmo, Roma, con l’obiettivo di offrire ai ragazzi ospitati un’ulteriore possibilità di reinserimento sociale.
• La partecipazione al Gruppo di Lavoro sul miglioramento della condizione dei bambini ospedalizzati nel Comune di Roma.

Tra le più recenti iniziative è doveroso segnalare il progetto-pilota per la riabilitazione psichica e motoria delle persone in condizione post-comatosa “Un cane per tornare a sorridere”, finanziato dal Comune di Roma . Il progetto è stato organizzato dalle associazioni ANUCSS (Associazione Nazionale Utilizzo Cane per Scopi Sociali) ideatrice del programma e ARCO 92 nella cui struttura “Casa Dago” sono ospitati i pazienti che partecipano al programma di pet-therapy.
Oltre al progetto “Un cane per sorridere”le associazioni ANUCSS possono annoverare nel loro curriculum molteplici attività con la presenza di animali come co-terapeuti che hanno avuto risultati positivi. Attività che continuano ad essere svolte anche oggi con il nobile scopo di aiutare adulti e bambini ricoverati in ospedale, anziani che soffrono delle più diverse patologie. Ritengo che progetti di questo tipo atti a migliorare la vita di queste persone siano da lodare, da non lasciare in sordina ed è da apprezzare il contributo prezioso che questi professionisti danno ogni giorno con la loro attività e con la loro conoscenza.

Tra le altre numerose équipes ed associazioni attive nel campo:

• L’Associazione A.I.U.C.A. (Associazione Italiana Uso Cani d’Assistenza) che ha un’esperienza più che decennale nella formazione di operatori, nell’applicazione di programmi che riguardano sia l’area sanitaria sia quella socio assistenziale, nell’affidamento e addestramento di animali.
• L’Associazione Arion di Roma che ha in corso un progetto di ricerca sulla delfinoterapia presso il delfinario di Rimini. La pet-therapy con questi cetacei si è rivelata particolarmente efficace per la depressione e i disturbi della comunicazione (pazienti autistici).
• Il Centro XXV aprile di S. Giovanni in Persiceto (BO) che usa la pet-therapy per la riabilitazione di pazienti psicotici cronici.
• Cani da vita, presso la sede trentina della Comunità di San Patrignano, svolge dal 1997 terapie assistite con cani, addestrati per l’assistenza a persone con handicap. Attualmente sono in corso esperienze anche in case di riposo e in alcune scuole. Il centro fornisce, inoltre, formazione, informazione e aggiornamento per chi opera nel settore della pet therapy e organizza convegni internazionali.

Fonti:

Ministero della salute
IZS
A.N.F.F.A.S.
– da Wikipedia Teramo Atri Roma
– da APC Patologie Organiche
Medicline
Sindrome di Down
Sclerosi Multipla
A.I.S.M.
Università La Sapienza
Università di Bari
I.S.S.
Ufficio Diritti degli Animali
Dipartimento Igiene Sanarelli
Università Roma 3
– Da ANUCSS Un cane per sorridere Progetti
– da Arco 92 Casa Dago
A.I.U.C.A.
Mondo Delfino
Delfinario Rimini
Cani da Vita
San Patrignano

Tag: , , , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: